Appunti sulla transumanza (tratturi,pastori,greggi e culti)

Categoria: Tradizioni e prodotti Pubblicato: Domenica, 06 Luglio 2014 Scritto da ugo

TRANSUMANZA E TRATTURI (Appunti di U. D’Ugo, insegnante teorico ai Corsi di qualificazione per l’allevamento della pecora, istituiti dal Ministero dell’Agricoltura e Foreste, anni 1966-67 e gestiti dall’U.I.C.)

IL TRATTURO

Tratturo, traccia, trattato sono parole legate da una comune origine, cioè dallo stesso etimo, cioè dalla voce del verbo trarre. Esso significa muovere, spostare, tirando da un luogo ad un altro, tale da lasciare traccia. Il tratturo, quindi, è appunto la “traccia formatasi in seguito al periodico spostamento di greggi ed armenti in transumanza”.

Transumanza ( da trans, al di là e humus, terra)è una forma antichissima di allevamento del bestiame, costituita per l’appunto da un movimento delle greggi dalla montagna alla pianura, nel periodo settembre- maggio e viceversa, da maggio a settembre, periodi in cui i rispettivi pascoli sono più ricchi di erbaggi.

Protagonisti della transumanza sono le greggi, i pascoli, i pastori.

Tutti questi elementi sono vincolati al rispetto della legge che stabilisce diritti ( ad es. tutela di transito delle greggi e vendita dei prodotti, e doveri da osservarsi a tutela del pubblico demanio e dei proprietari dei terreni dati a pascolo, o semplicemente confinanti, terreni da lasciare a nocchiatico ecc.). I pastori non devono ubbidire soltanto alla legge dello Stato, ma anche alla legge della tradizione che impone loro una ubbidienza incondizionata a tutta una serie di doveri e di rispetto, anche gerarchico all’interno dell’organizzazione. Dice Franco Ciampitti nel suo meravigliosso romanzo Il Tratturo Ubbidienza. La legge antica non consente deroghe e la piccola gerarchia dei poteri ha il suo prestigio e la sua forza in quell’accettare, senza discutere, l’ordine.” “Quindi la vita dei pastori è simile a quella del soldato, non si discute, perciò sia che, assuefatti a dormire sulla nuda terra ed a cibarsi senza alcun comodo di sol pane ed acqua, sono sempre pronti all’esercizio dei loro doveri “ afferma l’agnonese Stefano Di Stefano in La Ragion Pastorale, Napoli 1731, arti grafiche Domenico Roselli..

Abbiamo detto che la transumanza è una delle tecniche di allevamento e può avvenire in modo diverso, dando vita a sistemi diversi.

I diversi modi di attuazione sono: nomadismo, trasterminanza e estivazione. Il nomadismo prevede il continuo spostamento delle greggi e non è applicato in Italia; la trasterminanza prevede lo spostamento delle greggi da zona A a zona B e viceversa o da B a C e viceversa ed è quella che ci riguarda da vicino, perché applicata da noi; l’estivazione è molto praticata ed è quella praticata nelle zone alpine.

Elementi che caratterizzano la transumanza sono:

a) spostamento annuale delle greggi dalla montagna alla pianura e viceversa, in zone differenziate per clima, piovosità, presenza di foraggio;

b) spostamenti a lungo raggio, oltre i confini regionali (Molise – Puglia, Abruzzo – Puglia ecc);

c) spostamenti di greggi di proprietà di diverse persone , nobili, monasteri e ricchi allevatori che danno in gestione ai pastori l’allevamento .

I comuni, o altri enti titolari di diritti sui pascoli, hanno un addetto alla conta delle pecore, ai fini della tassazione del diritto di pascolo, che si chiama Contapecore.

Fin dall’antichità la transumanza è stata regolata da leggi specifiche, finché non è stato emanato Il nuovo regolamento della Dogana per la mena delle pecore , con sede in Foggia.

Come è strutturata questa Dogana: A capo c’è il Doganiere, che è il 1° Ufficiale; poi ci sono i Credenzieri Auditori, poi ci sono il Mastrodatto, i Segretari, gli Archiviari, che erano gli ufficiali maggiori; infine i Cavallari, i Compassatori, gli Agrimensori che erano ufficiali minori. Compito di costoro era quello di suddividere ed assegnare le quote di pascolo, sorvegliare sui terreni da lasciare a nocchiatico; redimere le liti tra locati e locatori, stabilire l’estaglio da pagare; oltre ad altre mansioni che la legge stabilisce.

 

Glossario tecnico:

I pastori, in generale sono gli uomini che dirigono la transumanza, i padroni sono i proprietari delle bestie.

A capo dei pastori c’è il Massaro, aiutato nelle sue incombenze dal Sottomassaro;

poi ci sono i Butteri, addetti alla custodia, aiutati dal Butteracchio;

i Pastori che badano e conducono il bestiame;

i Pastorecchi, sono ragazzi scapoli che sorvegliano il bestiame;

c’è il Carosatore, che è l’addetto alla tosatura delle pecore;

il Casciaro, addetto alla lavorazione del formaggio;

il Guaglione, che è il ragazzo addetto ai lavori più umili.

Gli oggetti usati:Bucco, piccola sacca in pelle o tela per portare il cibo;

cacchio, strumento in legno che si applica al collo della pecora per immobilizzarla durante la mungitura;

acquasalë, pasto fatto di pane secco imbevuto di acqua, pomodoro strusciato sopra e un pizzico di sale e un pizzico di origano; questo spesso costituiva la cena del pastore;

mëscišca, coscia di pecora essiccata all’aria; costituiva quasi un lusso , poiché le si dava la stessa importanza del prosciutto crudo di Parma;

caccavo, recipiente per il latte;

Cotturo o callaro, recipiente di rame per scaldare il latte;

Mënaturë, bastone con cui si rompe il latte durante la cagliata;

Caglio, parte dello stomaco degli agnelli o dei capretti o del vitello che serve a far coagulare il latte per fare il formaggio;

Cacio, formaggio, si ottiene dopo aver rotto con il mënaturë il latte coagulato e fatto riscaldare per 10 minuti;

Rëcotta, ricotta, si ottiene facendo ribollire il siero avanzato dalla lavorazione del latte dopo aver ottenuto il formaggio (Cacio);

Siero; scarto della lavorazione del latte, questo finiva per essere reimpiegato come mangime per animali vari;

Conciatura, la lavorazione delle pelli: queste vengono impregnate di sostanze vegetali come la mimosa e il castagno, che evitano la putrefazione, dopo di che vengono pressate per eliminare l’acqua in eccesso;

Lana, è il prodotto che si ottiene dalla tosatura: viene lavata e venduta per farne materassi, stoffe, maglieria;

Chianchella, piccola sedia o sgabello a tre piedi su cui siede il pastore per la mungitura;

Fuscella, contenitore per la ricotta realizzato con vimini o con paglia;

Guardamacchia o cosciali, sopracalzoni di pelle di capra per riparare le gambe dalla pioggia e anche dalle spine;

la Forzanella, (Fionda), lungo spago o elastico con il quale il pastore scagliava sassi in lontananza sia per difendersi, sia per spostare il gregge da un campo in cui non è dato pascolare;

Parroccula o Përoccula, bastone nodoso per difendere o spostare il bestiame;

Raciatali o Mantère, sopracalzoni di tela che si usa per la mungitura;

Scodellina, piatto di legno per mangiare;

Saccone, tela dura cucita e riempita di fruscë (foglie scartocciate dal mais) o paglia e serve da materasso;

Mazzo, grosso martello di legno per conficcare i pali della rete, quando si formano gli stazzi;

Rete, per recingere il bestiame;

Rëtalë oggetto fatto da due paletti di legno della lunghezza di circa 2 metri , i quali si legano agli estremi di una rete di cordame a maglia di circa 10 x 10 cm, e di circa m.2,50 x 2,50 che serve sia per il trasporto degli agnellini piccoli, sia per il trasporto di oggetti, sia per il trasporto del foraggio; i retali vengono applicati sempre a coppia, ai due lati del mulo o altra vettura, per bilanciare la soma;

Vettura qualsiasi animale addetto al trasporto, quindi cavallo o mulo o raramente asino;

Strangonere, gambali in pelle di pecora che si indossano sulle scarpe;

Tumbagno, tavola su cui si mette a riposare il formaggio;

Morra, insieme di pecore, convenzionalmente stabilita in 367 pecore; ma minore, nei greggi meno numerosi.

Pecora, ovino adulto, da 3 a 7 anni;dopo questa età si considera vecchia, che è quella che non feconda più;

Sterpa si dice la pecora che non feconda;

Montone o Ariete, maschio adulto;

Sërronë è il montone che diventa sterile, esso veniva subito sostituito;

Ciavarra o Ciavarrella, agnellone di età inferiore all’anno, destinato al rinnovo delle pecore adulte;

Ciavarro, agnello di età inferiore all’anno, destinato a sostituire il montone;

Ciavarraro, pastore addetto a sorvegliare il bestiame di età inferiore all’anno;

Crapa (Capra), animale adulto;

Zurro o Zirro (Becco), maschio adulto delle capre;

Crapittë (Capretto), piccolo delle capre.

Fëllatë, pecore fecondate, di primo parto;

Rëcchiëtellë, pecora fecondata;

Guado, è un recinto ristretto in cui sono costrette a passare le pecore per la mungitura.

Culti e devozioni:

Il mondo dei pastori, transumanti o no, è un mondo di una religiosità antica quanto le stesse popolazioni italiche che abitarono i territori del Molise, cioè i Sanniti, i quali avevano la loro religione, quindi avevano i loro Dei da adorare e avevano i loro usi per le celebrazioni, sia per gli spostamenti, solo che successivamente ai loro Dei si aggiunsero quelli Romani e ancora più tardi i simboli del Cristianesimo.

Lungo i tratturi furono disseminati molti templi pagani ( di ciò esistono molti reperti ), ai quali si sono aggiunti o sostituiti, cioè eretti sugli stessi luoghi, quelli della nostra religione cristiana. Ecco alcuni simboli e templi della transumanza:

Madonna: Madonne arboree: Come Incoronata di Foggia, quella di Loreto a Capracotta, quella querc 4della Neve a Quercigliole di Ripalimosani. Perché la Madonna appare ai piedi o su alberi? Perché l’albero rappresenta: a. cosmico, a. della vita, a. della fede, a. della prosperità, a. della misericordia, a. della grazia, a. del perdono. La tradizione vuole che la Madonna Incoronata sia apparsa al nobile conte di Ariano Irpino nell’aprile 1001 su una quercia in un bosco della provincia di Foggia. Un antico culto mariano è quello della Madonna di Vallebruna , detta anche del latte,a Bagnoli del Trigno, attestato alla fine del ‘600.

S. Michele Arcangelo: è simbolo della giustizia divina; è protettore dei pastori e dei viandanti, è simbolo della vittoria sul male, poiché lui ha sconfitto il demonio. Lui ha preso il posto di Ercole, che era rappresentato armato di glava, e di Ermes, divinità pagane adorate nei tempi pre-cristiani. Il culto di S. Michele è il più diffuso.

Altri santi: S. Nicola di Bari e San Domenico abate: il primo è protettore dei pastori, dei marinai, dei viaggiatori, delle zitelle, dei bambini; tra le feste a lui dedicate si ricorda quella dei Fucilieri di S. Giuliano del S.

La devozione per S. Domenico abate è tipica dei transumanti poiché protegge e vigila sui pastori e sulle bestie e li protegge dai morsi dei serpenti. Tipiche sono le feste note come festa dei serpari; le più note sono quelle di Cucullo e di Pizzoferrato, in Abruzzo (sperando che in quest'ultima ancora esista la tradizionale processione coi serpenti a cui ho assistito nel 1947, quando mio padre comandava quella Stazione dei CC:).

Feste da ricordare:

21 settembre: S. Matteo ( protettore dei doganieri) a Montecilfone; 29 Settembre San Michele A. a Monte Sant’Angelo;15 Ottobre: San Clemente a Torella del S.;

11 novembre : S. Martino protettore dell’abbondanza e perché inizia l’annata agraria:

6 dicembre S. Nicola.

8 Maggio: Madonna Incoronata di Foggia e nuovamente S. Michele ( poiché coincide coi due spostamenti dei pastori, cioè 8 maggio e 8 Stembre);

17 maggio: S. Pasquale; 20 Maggio: S. Bernardino sia a Vinchiaturo che a Civitanova del S.

Prima domenica di maggio S. Domenico abate protettore dei serpari. Anche Sant’Antonio di Padova 13 giugno, poiché segnava la data limite per il ritorno della transumanza, vale a dire che in questo giorno le greggi dovevano essere rientrate in montagna obbligatoriamente.

Tabella delle misure dei tratturi tratta da “I pesi e le misure agrarie” di A. Vincelli di cui, in questo sito (in Scritti in Lingua) se ne può leggere la mia Recensione.

I Tratturi del Molise                                                           (Tratturo => sentiero naturale percorso dalle greggi

                                                                                                                                                     dal lat.: iter tractorium via tracciata)

Pescasseroli – Candela (km 211):

Rionero S. - Isernia - Bojano - Sepino                                  Lungh. km 65             Largh. m. 48 - 111,11

Castel di Sangro – Lucera (km 127):

Rionero S. – Gambatesa                                                       Lungh. km 79             Largh. m. 111,111   

Celano – Foggia (km 207):

S. Pietro Avellana – S. Giuliano di Puglia                            Lungh. km 84             Largh. m. 111,111  

Ateleta - Biferno – Sant'Andrea (km 100):

Castel del Giudice – S. Giuliano di Puglia                           Lungh. km 75             Largh. m. 111,111  

Centurelle – Montesecco (km 120):

Montenero di B. – S. Martino in P.                                      Lungh. km 34             Largh. m. 111,111  

L'Aquila – Foggia (km 244):

Montenero di B. – S. Martino in P.                                      Lungh. km 35             Largh. m. 111,111  

I Tratturelli del Molise

Ururi - Serracapriola                                                              Lungh. km 11             Largh. m. 32 - 55   

Castel del Giudice – Sprondàsino - Pescolanciano               Lungh. km 40             Largh. m. 18,5         

Braccio del Molise

Centocelle – Cortile - Matese                                               Lungh. km 30             Largh. m. 32 - 55   

Il metro è la quaranta milionesima parte del meridiano medio del globo terrestre: Legge 28 luglio 1861;

Il palmo è la sette millesima parte di un minuto primo del grado medio del meridiano terrestre;

Lunghezza del Meridiano = 7.000 x 60 x 360 palmi = 40.000.000 m.

1 palmo = m. 40.000.000 / 7.000 x 60 x 360 = m. 0,26455026455026...........

1 passo è formato (nella misura dei tratturi) da 7 palmi (Apertura del compasso a sette palmi)

Larghezza Tratturi: passi 60 x palmi 7 x m. 0,26455026.... = m. 111,111(111)

Laghezza di alcuni Tratturelli e alcuni Bracci: passi 30 x palmi 7 x m. 0,26455026.... = m. 55,55(55)

- Larghezza Tratturi = 60 passi e ciascuno di palmi 7 = m. 111,111111….. ;

- Superficie della Versura = 60 passi x 60 passi ciasc. 7 palmi: 111,111... x 111,111… = mq 12.345.

 

Visite: 2570

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito http://www.ugodugo.it (“Sito”) gestito e operato dal signor Ugo D'Ugo, Via Capriglione n. - 86100 Campobasso

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali:

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza Ugo D'Ugo
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
   
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Ugo D'Ugo
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
   
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Ugo D'Ugo
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Ugo D'Ugo.